Contattaci

IGT, DOC e DOCG
Le denominazioni del vino

Azienda Agraria Antico Colle di Andrea Frangiosa

Quante volte leggendo l’etichetta di un vino vi siete imbattuti in una sigla come DOC oppure DOCG? Sicuramente tantissime anzi, sempre.
La denominazione di origine è infatti una di quelle informazioni che per legge deve essere presente nell’etichetta del vino.

Se vuoi sapere di più su come leggere l’etichetta di un vino leggi il nostro articolo

LEGGI ORA

Che cos’è la Denominazione di Origine


La denominazione è un’indicazione geografica che identifica un prodotto alimentare legandolo al territorio di origine. Questo sistema è nato per difendere la tipicità dei prodotti e, al tempo stesso, tutelare il consumatore.

Il sistema di Denominazione di Origine (che non vale solo per il vino ma per tutti i prodotti agroalimentari), vuole proteggere i prodotti di un dato territorio e mira a salvaguardare la biodiversità, favorendo l’economia del territorio stesso.

Il vino è stato il primo settore ad essere regolamentato in questo senso, basti pensare che lungo tutta la storia dell’uomo, dall’antico Egitto all’antica Roma, si trovano tracce di ordinamenti giuridici volti a razionalizzare la produzione del vino ( e dei prodotti agroalimentari in genere) dei vari territori di appartenenza.

Il Chianti: la prima zona vinicola protetta


Possiamo dire che il Chianti è stata la prima zona vitivinicola protetta per legge in quanto nel 1716 il Granduca di Toscana, Cosimo III, fissò i confine della zona di produzione; una zona che si estendeva fra le città di Firenze e Siena: al di fuori di questo territorio il vino prodotto non poteva essere chiamato Chianti.

In realtà però il primo vero sistema di classificazione dei vini risale al 1730 ed è nato in Ungheria, nella regione di Tokaj-Hegyalja. Più tardi, nel 1855, l’imperatore Napoleone III di Francia richiese un sistema di classificazione dei migliori vini Bordeaux per poi esporli all’Esposizione universale di Parigi.

Da allora ogni paese ha seguito una propria strada ma, nel 1883, possiamo trovare il primo riferimento a livello internazionale quando la Convenzione di Parigi per la protezione della Proprietà Industriale, fa menzione per la prima volta delle GI (Geographical Indications), anche chiamate ”Indications of Surce” o ”Appellations of Origin”.

Infine il Sistema Europeo si basa sulle PDO ovvero Protected Denominations of Origin, sulle PGI (Protected Geogaphical Indications) e sulle TSG (Traditional Specialities Guaranteed). Il sistema è stato creato nel 1992.

Le Denominazioni di Origine in Italia


Anche l’Italia, seguendo l’esempio europeo, possiede il suo sistema di Denominazioni di Origine che si suddividono in IGP, Indicazioni Geografiche Protette e DOP, Denominazioni di Origine Protette.

Per quanto riguarda i vini la DOP è intesa come riferimento ad una specifica zona geografica ed è utilizzata in riferimento a un prodotto particolarmente rinomato e strettamente connesso alla zona di produzione. Per IGP invece si intende il nome di una particolare zona geografica utilizzato per indicare il prodotto che ne deriva.

Queste due sigle sono intese a livello europeo e ben distinguibili in tutti i paesi. Oltre a queste, in Italia vengono utilizzate anche le più classiche denominazioni ovvero: DOC e DOCG, nel caso di un vino DOP oppure IGT nel caso di un vino IGP.

Questo significa che uno stesso vino può essere riconosciuto come DOP e DOC (DOCG) o come IGP e IGT.

Gli acronimi


Ma cosa significano queste sigle che utilizziamo quotidianamente?
Abbiamo già visto le due sigle a livello comunitario ovvero:

DOP= Denominazione di Origine Protetta
IGP= Indicazione Geografica Protetta

In Italia vi si affiancano:

IGT= Indicazione Geografica Tipica
DOC= Denominazione d’Origine Controllata
DOCG= Denominazione d’Origine Controllata e Garantita

Vuoi informazioni per il tuo acquisto ?

Siamo a tua disposizione per ogni chiarimento o supporto, puoi chiamarci telefonicamente o contattarci tramite whatsapp cliccando i bottoni

+393313146311 WhatsApp

oppure inviarci la tua richiesta compilando il modulo con i tuoi dati

Riempi il modulo per inviarci una mail

     


Formula di acquisizione del consenso dell'interessato
Clicca qui per l'informativa Privacy Contatti ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679
Clicca qui per l'informativa Privacy Newsletter ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679
L'interessato acquisite le informazioni dal Titolare, presta il consenso per le finalità sotto riportate.

I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.